Come comprare oro

Il Fixing dell’oro

 

Il meccanismo del Fixing dell’oro#

Il Fixing dell’oro di Londra coinvolge i dealer delle cinque più importanti bullion bank di Londra, che stabiliscono un prezzo di transazione per un certo numero di ordini di acquisto e vendita. Ciò avviene due volte al giorno, alle 10.30 del mattino e alle 3 del pomeriggio, secondo l’orario inglese.

Le bullion bank che prendono parte alla decisione agiscono sia per conto proprio che per quello dei propri clienti che hanno già richiesto degli ordini con un prezzo limite per l’esecuzione al Fixing dell’oro di Londra. Nessuno è a conoscenza di quale sarà il fixing prima che lo stesso venga dichiarato.

Il fixing stabilisce il prezzo a cui la quantità lorda degli ordini di acquisto combacia con la quantità lorda di ordini di vendita, considerando gli ordini di tutte le banche partecipanti.

Chi presiede la sessione inizierà il processo di fixing dichiarando un prezzo, solitamente molto vicino al prezzo ufficiale dell’oro di quel momento esatto.

Considerando tale prezzo, le banche partecipanti aggregano tutti gli ordini con prezzo limite che hanno ricevuto, sia per comprare che per vendere, e dichiarano la quantità netta di oro che comprerebbero, o venderebbero, al prezzo proposto.

Se il risultato netto tra tutte le banche partecipanti è bilanciato, il prezzo diventa il Fixing dell’oro di Londra. Accade di solito che compratori e venditori non siano immediatamente bilanciati, e che sia necessario aggiustare il prezzo, verso l’alto se ci sono troppi compratori, e verso il basso se ci sono troppi venditori.

Un aggiustamento del prezzo verso l’alto causerà:

  1. Il prezzo sarà più alto di quello fissato come limite da alcuni degli ordini di acquisto, che verranno quindi scartati dall’insieme degli ordini eseguibili riducendo così la domanda
  2. Il prezzo sarà più alto di quello fissato come limite da alcuni degli ordini di vendita, che saranno quindi compresi nell’insieme degli ordini eseguibili aumentando l’offerta

Un aggiustamento del prezzo verso il basso causerà:

  1. Il prezzo sarà più basso di quello fissato come limite da alcuni ordini di acquisto, che verranno quindi inclusi nell’insieme degli ordini eseguibili aumentando così la domanda
  2. Il prezzo sarà più basso di quello fissato come limite da alcuni ordini di vendita, che verranno quindi esclusi dall’insieme degli ordini eseguibili riducendo così l’offerta

Partendo dal prezzo aggiustato le banche partecipanti esprimono nuovamente le posizioni nette; e così si procede fino a quando non si raggiunge un equilibrio.

In questo modo quel grosso insieme di ordini aperti viene eseguito ad uno stesso prezzo. Proprio per il fatto che tale insieme è vasto, la percezione di coloro che comprano e vendono attraverso il Fixing è di trattare ad un prezzo deciso in maniera trasparente ed onesta.

Si noti che di frequente i clienti comprano ad un prezzo inferiore, e vendono ad un prezzo superiore, rispetto a quello che è il prezzo limite.

C’è un piccolo spread, perché si applica un premio del 20% sul prezzo all’oncia agli acquirenti. In questo modo i partecipanti hanno il profitto che serve per mandare avanti il meccanismo del fixing.

Il prezzo del Fixing viene divulgato su tutti i principali media, giornali, internet e televisioni, ed è un buon metodo per stabilire il prezzo dell’oro in quel momento. Su internet è consultabile sul sito della LBMA e su quello del World Gold Council.

Martyn Whitehead, direttore delle commodities di Barclays Capital e vice presidente della LBMA, dichiara:

“Di norma è un processo che dura 10 o 15 minuti, ma può durare anche mezz’ora. Il fixing più lungo fu il 19 ottbre 1987, il cosidetto Lunedì Nero. Servirono due ore e 15 minuti per giungere un accordo sul prezzo dell’oro quel giorno.” Lo stesso giorno il mercato azionario statunitense perse il 23% del proprio valore.

Il Fixing dell’oro richiede che si aspetti per sapere il prezzo#

Talvolta viene ritenuto un problema il fatto che si debba attendere il fixing per sapere a quale prezzo si è comprato o si è venduto oro. Questo fatto può chiaramente significare che si perde una mossa del mercato, che però può essere a favore o a sfavore.

D’altra parte sapere che il prezzo che si paga o si riceve è il risultato di un equilibrio tra un numero rilevante di ordini significa che il prezzo a cui si opera è un prezzo equo.

Il fixing è trasparente?#

Il fixing è dunque onesto come sembra in apparenza? È difficile rispondere a questa domanda, ma è facile mostrare il tipo di cose che possono accadere, e che nei mercati moderni che seguono i trend potrebbero sicuramente essere considerati regolari.

Il fixing dell’oro è dominato dalle banche che fanno il mercato.

In un mercato che si sta muovendo, i manager dei fondi di investimento e le istituzioni finanziarie tendono a portare compratori o venditori sui mercati a ondate.

Ciascuno dei market maker operano sia come agente, comprando e vendendo oro per conto dei propri clienti, sia come principale, ovvero comprando e vendendo oro direttamente ai propri clienti. Per questo se uno di loro ha ordini di acquisto per 18 Kg e ordini di vendita per solo 4 Kg dai propri clienti, non è irragionevole ritenere che anche gli altri partecipanti al fixing abbiano una quantità più alta di compratori più o meno sulla stessa linea. È quindi probabile che al prezzo di apertura del fix, dichiarato da chi presiede, i market maker non si affretteranno a dichiararsi come venditori per portare il mercato in equilibrio. Sarebbe ingenuo farlo, perché venderebbero a un prezzo troppo basso.

Quando sono presenti molti compratori sul mercato l’arte dei market maker è di evitare di dichiararsi come venditore fino a quando il prezzo è stato sollevato in maniera significativa, per poi introdursi appena prima che gli altri partecipanti si dichiarino anche essi come venditori. In questo modo i market maker che partecipano al fixing mettono in scena due volte al giorno un gioco con enormi rischi.

Cosa significa in termini pratici? Niente di nuovo in realtà. Un market maker che partecipa al fixing dell’oro può migliorare i profitti gestendo bene i propri ordini al momento del fixing, e giocando bene quando sospetta che il mercato sia inondato di ordini in una particolare direzione. Lo stesso ragionamento è valido per qualsiasi partecipante al mercato che agisca da principale, che abbia anche un flusso di ordini da parte dei propri clienti. Tale flusso fornisce informazioni sull’atteggiamento del mercato, informazioni che sono particolarmente utili.

A chi serve il Fixing sull’oro?#

I cinque membri del Fixing dell’oro di Londra non rilasciano mai dati ufficiali, ma è chiaro che quantità imponenti di oro vengono scambiate al prezzo di Fixing.

Il prezzo deciso al Fixing di Londra viene utilizzato anche da chi possiede grandi quantità di oro, tra cui le raffinerie e le compagnie minerarie, per valutare i propri inventari.

La maggior parte delle banche centrali si affidano al fixing pomeridiano per decidere un valore monetario alle proprie riserve di oro fisico. Molti rivenditori per i privati, tra cui venditori di monete e chi si occupa di manifattura orafa, utilizzano il fixing dell’oro per aggiustare i propri prezzi una volta al giorno.

Il fixing dell’oro di Londra viene anche utilizzato dai mercati dei derivati sull’oro per dare un prezzo alle posizioni con margine, come i futures, gli swap sull’oro e le opzioni.

Posso comprare e vendere al prezzo di fixing?#

Il meccanismo per comprare e vendere al fixing non è accessibile ai privati. Il problema è che i dealer accettano solo ordini di quantità tipiche del mercato all’ingrosso, e pochi aprirebbero delle posizioni per clienti privati, e in ogni caso le unità commerciabili sono lingotti Good delivery, di 400 oncie ciascuno. 400 oncie troy, l’unità di misura dei metalli preziosi, sono pari a circa 12,4Kg: tali quantità sono chiaramente troppo ingenti per la maggior parte dei clienti privati.

I clienti privati che vogliono comprare al prezzo di Fixing possono invece utilizzare BullionVault. Basta aprire un conto online e inviare del denaro tramite bonifico bancario. Inserendo un ordine di acquisto almeno 15 minuti prima del fixing dell’oro pomeridiano, quindi prima delle 15.45 secondo l’orario italiano. Viene generato un ordine che viene poi eseguito al prezzo di Fixing circa 15-20 minuti dopo la divulgazione del prezzo, e il metallo viene consegnato sul conto BullionVault del cliente due giorni lavorativi dopo l’esecuzione dell’ordine, secondo le prassi del mercato ufficiale.

BullionVault offre anche la possibilità di comprare argento al prezzo di Fixing.

Storia del fixing dell’oro#

Il fixing dell’oro di Londra fu stabilito la prima volta il 12 settembre 1919 per far ripartire il mercato dell’oro alla fine della Prima Guerra.

Per 85 anni fino al 2004, le cinque banche membri del fixing dell’oro di Londra si incontravano di persona negli uffici di N. M. Rothschild, che al tempo presiedeva il fixing dell’oro, a St. Swithins Lane nella City.

La banca di Rothschild decise di lasciare il mercato dell’oro nel 2004, spiegando che “le entrate provenienti dai mercati delle materie prime scambiate a Londra sono crollate come percentuale totale delle entrate in ciascuno degli ultimi cinque anni.”

Il prezzo dell’oro è più che raddoppiato da allora, e in assenza di Rothschild la presidenza ruota annualmente tra i cinque membri rimanenti, Bank of Nova Scotia-Scotia Mocatta, Barclays Bank. Deutsche Bank, HSBC Bank USA e Societe Generale.

Contatti

Email

Telefono

  • Regno Unito e estero: +44 (0)20 8600 0130
  • Numero gratuito dall'Italia: 800 977 505
  • Orari di apertura: dalle 9:00 alle 17:30 (ora italiana), dal lunedì al venerdì

Indirizzo

Galmarley Ltd T/A BullionVault
3 Shortlands (7th Floor)
Hammersmith
Londra, W6 8DA
Regno Unito